Preziosa l’esperienza al Torneo Baracchi per i nostri Under 14

Si è disputata sabato 23 e domenica 24 febbraio la nona edizione del Torneo Baracchi, terza tappa del Super Challenge riservato alla Categoria Under 14. Il Torneo, organizzato dall’Unione Rugby Capitolina e dedicato alla memoria di Ugo Baracchi, uno dei soci fondatori della storica società romana, ha ospitato 12 squadre provenienti da tutta Italia e dall’estero: i padroni di casa dell’URC, il Lazio Rugby, l’USAP Perpignan, il Modena Rugby 1965, il Gispy Rugby Prato, il Petrarca Rugby, il Cus Milano, l’A&U Milano, l’ASD Rugby Milano, il Verona Rugby Junior e il Rugby Livorno. Una competizione di buon livello, divenuta un importante appuntamento di verifica del lavoro svolto e al contempo di confronto con realtà importanti per vissuto e tradizione. Un confronto che sicuramente ha dimostrato, nel caso dei nostri ragazzi guidati da Andrea Barbati e Davide Martini, che la strada intrapresa è quella giusta. «Salutiamo questi due giorni – hanno commentato Barbati e Martini – con grande entusiasmo, consapevoli di aver acquisito un importante e bagaglio d’esperienza. Bravissimi i ragazzi dell’USAP Perpignan, primi classificati, seguiti da Petrarca Padova e Capitolina. Per quanto riguarda la nostra Under 14, al di là del decimo posto raggiunto che pure rappresenta per noi un buon risultato, vogliamo fare i complimenti ai ragazzi per la dedizione, l’impegno, la grinta e la voglia di dare il meglio dentro e fuori dal campo. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico ricordiamo che questa era una prova difficile per il gruppo, visto che la maggior parte di loro erano alla prima esperienza in un Super Challenge. Si sono confrontati con realtà più grandi e maggiormente preparate rispetto a noi; nonostante questo è stato espresso un buon gioco sia a livello individuale che collettivo. Il primo incontro, partito subito ad alta intensità e ritmo, è stato di assestamento e utile per comprendere che le competenze da esprimere in una partita di Super Challenge sono diverse rispetto a quelle normalmente richieste nelle attività regionali. Dopo la prima partita di sabato – hanno continuato gli allenatori – abbiamo alzato il livello, intensità e soprattutto la concentrazione, focalizzandoci sul concetto del “non accontentarci” rispetto alle azioni di gioco. Un buon placcaggio diventava un portare ancora avanti il giocatore, migliorare una pulizia, una corsa etc. Questo lavoro e questo atteggiamento continuo, si sono poi riflessi nella partita di domenica, forse la migliore prestazione stagionale di questo giovanissimo gruppo Under 14. Infine, tutto lo staff vuole fare i complimenti in particolare a due ragazzi che in questi due giorni si sono distinti particolarmente: Francesco Capece Minutolo, che per grinta e dedizione in campo ha trascinato i suoi compagni e Andrea Soukah, che è stato una grande sorpresa rimanendo concentrato e attivo nel corso delle partite».