Torneo minirugby “Città di Perugia”: primo posto per l’Under 14

Si è da pochi giorni conclusa un’altra avventura fuori casa per i giovanissimi atleti FRC che, dopo il Torneo Denti di Prato, sabato e domenica sono partiti in 60 alla volta del Torneo minirugby “Città di Perugia”. Un’undicesima edizione sicuramente poco fortunata dal punto di vista meteorologico, vista la pioggia incessante che ha accompagnato praticamente tutte le fasi del torneo già dalla mattina, ma che ha riservato comunque tante sorprese e soddisfazioni alle formazioni Under 6-8-10 e 14. Iniziamo con i più grandi del gruppo, i nostri bravissimi Under 14 che hanno portato a casa un meritatissimo primo posto al Torneo! Un girone finito senza subire mete e giocato con grinta e tanta voglia di vincere. «Ci vogliamo complimentare con i ragazzi – hanno commentato Andrea Barbati e Davide Martini – perché la vittoria di domenica è il frutto di un lavoro e di una crescita che li ha visti confrontarsi come un vero e proprio gruppo. L’aver sviluppato questo tipo di identità collettiva è per noi, in questo momento, motivo d’orgoglio perché rappresenta un passo davvero significativo; è chiaro che si è creato un clima di fiducia reciproca che ha facilitato le dinamiche di integrazione. I più grandi del 2005, nello specifico di domenica, sono stati degli insostituibili trascinatori ed esempi per tutta la squadra e questo ci ha fatto davvero piacere. Ciò che ha caratterizzato il torneo è stata l’ottima continuità nel rendimento, un aspetto che invece a volte è venuto meno nel corso della stagione sportiva e sul quale abbiamo lavorato tanto. Questo atteggiamento ci ha permesso di affrontare tutte le gare con concentrazione e unità di intenti, e in campo ciò è stato particolarmente evidente a livello difensivo. C’è stato dialogo, spirito di collaborazione e incoraggiamento: domenica abbiamo visto una squadra. Bravissimi tutti i nostri ragazzi – hanno concluso gli educatori –  ai quali vogliamo ricordare però che questo è un punto di inizio che, con lavoro e dedizione, li porterà a risultati ancora più grandi».
Esperienza positiva anche per gli Under 10 accompagnati da Pierfrancesco Carinci e Leonardo Ilfi. «La pioggia incessante – hanno commentato gli educatori – non ha influito sulla voglia di giocare e mettercela tutta dei nostri ragazzi che si sono comportati davvero bene sia dentro che fuori dal campo. Tutti hanno provato a fare del loro meglio e, anche se a volte qualcosa non è andata per il verso giusto, ci complimentiamo con loro perché non si sono arresi e hanno risposto alla grande alle nostre aspettative. I tornei sono momenti fondamentali di crescita, di scoperta individuale e di gruppo e siamo convinti che questi ragazzi siano tornati a casa più uniti tra loro e più consapevoli di essere una squadra».
Tantissime sorprese per le categorie Under 8 e Under 6 dove entusiasmo, emozione e grinta sono stati al centro di questi due giorni speciali, vissuti intensamente sia in campo sotto una pioggia battente, e fuori dal campo per la prima volta lontani dalle proprie famiglie. «Prova superata senza paura – hanno commentato Sara Taffettani, Annamaria Gizzi e Arianna Corbucci – per i nostri fantastici bimbi Under 8 che anche questa volta ci hanno dato una grande lezione. Non si sono mai dati per vinti, hanno lottato su ogni pallone e soprattutto ognuno di loro ha superato un proprio limite, lasciando tutte noi davvero a bocca aperta. Siamo orgogliose di tutti e dello spirito che hanno saputo tirar fuori non solo in campo ma anche in viaggio e la sera prima di addormentarsi. Bravi davvero».
Stesso positivo stupore per gli educatori Under 6: «Forse eravamo emozionati tanto quanto loro – hanno detto Valentina Passerini, Michael Campbell e Andrea Paoloni – ma ci ha lasciati senza parole la caparbietà e la grinta con le quali hanno giocato tutte le partite. Hanno segnato tante mete e messo in pratica molto del lavoro svolto durante l’anno. A livello motorio, di ascolto e di atteggiamento abbiamo verificato miglioramenti evidenti e questo ci rende fieri del percorso intrapreso e fiduciosi per il prossimo anno».